Cipolle senza odore e che non causano lacrime create da ricercatori giapponesi


Articolo pubblicato il lunedì 13 aprile 2015


Dei ricercatori giapponesi hanno creato, dopo 10 anni di ricerche, una cipolla geneticamente modificata che non ti fa piangere quando la sbucci. Il sapore e i valori nutrizionali sono stati mantenuti, ma la cipolla ha comunque perso il suo odore.

Per circa 10 anni, i ricercatori giapponesi del gruppo agroindustriale House Foods hanno lavorato a una varietà di cipolla che impedisce di piangere quando viene tagliata. Nel 2002, il team dello scienziato Shinsuke Imai ha pubblicato i risultati di uno studio preliminare incentrato sull'esistenza dell'allinasi, l'enzima responsabile delle lacrime durante il taglio dell'ortaggio.

Pertanto, la cipolla si nutre dello zolfo contenuto nel terreno durante la crescita. Al momento del taglio, l'alliinasi viene rilasciato e crea una reazione entrando a contatto con lo zolfo nei vari strati. Come specificato in un articolo del giornale economico francese Les Echos, il risultato di questa reazione si trasferisce all'interno del liquido lacrimale e si trasforma in acido solforico. Poiché lo scopo del liquido lacrimale è di proteggere l'occhio, il corpo risponde a questo "attacco" con un ulteriore produzione di lacrime.

Avendo isolato geneticamente l'enzima, il team di ricercatori ha sviluppato una varietà di cipolla che può essere tagliata senza versare una lacrima. Allo stesso modo, hanno colto l'occasione per ridurre il suo odore e salvaguardare l'alito del consumatore. Andrebbe notato che Shinsuke Imai aveva già ricevuto un premio Ig-Nobel a seguito della pubblicazione del suo studio preliminare nel 2002; questo premio è consegnato alle ricerche scientifiche considerate inutili. Inoltre, House Foods non ha ancora rivelato alcuna informazione circa la sua commercializzazione e il suo utilizzo con il curry e gli altri condimenti venduti dal marchio.

Articolo stritto dalla redazione Top-Negozi.it

Articoli nella stessa categoria

Alimenti secchi contaminati da idrocarburi

Articolo pubblicato il 02/12/2015

Alimenti secchi contaminati da idrocarburi

Secondo una ricerca condotta dall'ONG Foodwatch, pasta, riso, cacao e legumi secchi sarebbero contaminati da idrocarburi. Presenti nei cartoni di imballaggio, questi composti si trasferiscono nei cibi, anche biologici, per finire nei nostri piatti.

La carne rossa classificata come cancerogena dall'OMS

Articolo pubblicato il 25/11/2015

La carne rossa classificata come cancerogena dall'OMS

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito la carne rossa tra i prodotti probabilmente cancerogeni. La carne lavorata, a sua volta, è stata inserita nel gruppo 1, che elenca i prodotti cancerogeni come il tabacco o l'amianto.

Patatine fritte a tutte le ore del giorno e della notte

Articolo pubblicato il 25/11/2015

Patatine fritte a tutte le ore del giorno e della notte

In prova dall'8 settembre in un'università olandese, il primo distributore automatico di patatine fritte potrebbe andare ad integrare la gamma di prodotti proposti negli altri distributori già installati nelle università, negli hotel e nelle stazioni.

Il latte delle mucche alimentate con i semi di cannabis è innocuo

Articolo pubblicato il 22/10/2015

Il latte delle mucche alimentate con i semi di cannabis è innocuo

Mucche alimentate con semi di cannabis, davvero? Ebbene, in realtà si tratta di semi di canapa e la quantità di THC è così bassa che berlo non è affatto rischioso.

Cipolle senza odore e che non causano lacrime create da ricercatori giapponesi