Stop all'uso delle vesciche dei pesci per filtrare la Guinness

Stop all'uso delle vesciche dei pesci per filtrare la Guinness


Nutrimento

A partire dal 2016 le birre Guinness rispetteranno il regime vegano. L'azienda si è impegnata ad abbandonare l'uso della colla di pesce, ricavata dalle vesciche di questi animali e utilizzata per filtrare la birra ed alcune tipologie di vini.

Guinness vegana a partire dal 2016

Per rispondere alle esigenze del regime vegano, che proibisce il consumo di qualsiasi ingrediente di origine animale, le fabbriche di birra Guinness modificheranno, a partire dal 2016, le loro tecniche di produzione, vecchie di 256 anni.
Ma, una volta fatto l'annuncio, resta in sospeso una domanda. Quali ingredienti di origine animale sono presenti nella birra scura dell'azienda? Come accade per un gran numero di birre o di vini rossi, la sua produzione coinvolge la colla di pesce. Ricavata dalle proteine recuperate all'interno delle vesciche natatorie di pesci come lo storione, svolge un ruolo importante nel filtraggio di queste bevande. Infatti, la colla di pesce è utilizzata per trascinare le particelle in sospensione nel liquido verso il fondo dei serbatoi o delle botti, e schiarire in questo modo il liquido stesso.
Se gli imminenti cambiamenti operati dalla Guinness costituiscono una buona notizia per i vegani, questa procedura rimane relegata all'industria della birra e del vino. Tuttavia la colla di pesce non è il solo elemento a giocare un ruolo nel processo di collaggio di vini e birre. Esistono da decenni dei componenti alternativi, tuttora utilizzati nella realizzazione di vini, birre, e anche succhi di frutta. Tra questi, la gelatina di maiale e la caseina dell'albume d'uovo. Ma anch'essi sono di origine animale, eccezion fatta per la bentonite.
Per rassicurare gli amanti della Guinness, la fabbrica irlandese afferma che i cambiamenti non incideranno sul gusto della famosa birra. 

  • L'abuso di alcool è dannoso per la salute. Consumare con moderazione.
  • Foto: Guinness / Facebook
Articolo stritto dalla redazione Top-Negozi.it

Articoli nella stessa categoria

Il latte delle mucche alimentate con i semi di cannabis è innocuo

Il latte delle mucche alimentate con i semi di cannabis è innocuo

Mucche alimentate con semi di cannabis, davvero? Ebbene, in realtà si tratta di semi di canapa e la quantità di THC è così bassa che berlo non è affatto rischioso.

  • Salute
  • Nutrimento
La carne rossa classificata come cancerogena dall'OMS

La carne rossa classificata come cancerogena dall'OMS

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito la carne rossa tra i prodotti probabilmente cancerogeni. La carne lavorata, a sua volta, è stata inserita nel gruppo 1, che elenca i prodotti cancerogeni come il tabacco o l'amianto.

  • Salute
  • Nutrimento
Alimenti secchi contaminati da idrocarburi

Alimenti secchi contaminati da idrocarburi

Secondo una ricerca condotta dall'ONG Foodwatch, pasta, riso, cacao e legumi secchi sarebbero contaminati da idrocarburi. Presenti nei cartoni di imballaggio, questi composti si trasferiscono nei cibi, anche biologici, per finire nei nostri piatti.

  • Salute
  • Nutrimento
Cipolle senza odore e che non causano lacrime create da ricercatori giapponesi

Cipolle senza odore e che non causano lacrime create da ricercatori giapponesi

Dei ricercatori giapponesi hanno creato, dopo 10 anni di ricerche, una cipolla geneticamente modificata che non ti fa piangere quando la sbucci. Il sapore e i valori nutrizionali sono stati mantenuti, ma la cipolla ha comunque perso il suo odore.

  • Nutrimento
Stop all'uso delle vesciche dei pesci per filtrare la Guinness